161110_icono_product_teaser Shape Shape 161110_icono_product_teaser icon-arrow-left icon-arrow-right icon-first icon-last 161110_icono_product_teaser 161110_icono_product_teaser location-pin 161110_icono_product_teaser 161110_icono_product_teaser contact-desktop-white careers-desktop-white

connect 4.0: Click. Ship. Done.

Quotazioni immediate. Booking online. Tracking trasparente.
Per saperne di più

Liberi dalle emissioni entro il 2030

DB Schenker vuole rendere le sue attività di trasporto nelle città europee prive di emissioni entro il 2030.
Leggi di più

Pronti per l’estate?

Noi lo siamo! Consulta il nostro programma partenze
Scopri di più

Qualcosa di nuovo illumina la strada più semplice da A a B!

Scopri di più!

Supera la Brexit senza problemi con noi

Leggi di più

The invisible force for your business

Nuove opzioni con DB SCHENKERsystem: Fix Day 10 e 13
Leggi di più

DB Schenker trasporta oltre 100.000 tonnellate in Egitto

La spinta finale per un ordine gigantesco: fino a settembre DB Schenker trasporterà un totale di 100.000 tonnellate pari a 400.000 metri cubi di merce in Egitto per conto di Siemens AG, che sta costruendo uno delle più grandi centrali elettriche a gas del mondo. Burullus è il sito di una delle tre centrali Siemens: alimentati da gas naturale, ogni impianto ha una capacità di 4,8 gigawatt, generata da otto turbine a gas Siemens e quattro turbine a vapore. Questa tecnologia è stata selezionata per la sua alta efficienza.

I singoli componenti comprendono turbine, generatori, trasformatori e caldaie, ciascuno dei quali può pesare quasi 500 tonnellate. Ognuna delle otto linee della centrale elettrica richiede complessivamente 248 di questi giganteschi componenti.

I pesanti componenti, provenienti da Europa e Stati Uniti, vengono spediti direttamente al porto di pesca di Burullus. Le parti provenienti dall'Asia arrivano prima al porto di Alessandria tramite nave oceanica: lì, vengono ricaricate su piattaforme più piccole che grazie al loro pescaggio ridotto, possono accedere al porto di Burullus, a circa 80 chilometri di distanza.

DB Schenker ha intrapreso i necessari lavori di preparazione per assicurare che i massicci componenti potessero essere scaricati al porto di Burullus: la profondità è stata aumentata a 5,50 metri ed un molo è stato rinforzato, inoltre è stato necessario costruire percorsi di accesso e strutture adatte per il deposito temporaneo. Una gru da 600 tonnellate è stata installata per scaricare i singoli componenti sui rimorchi. Il porto di Burullus si trova a soli 16 chilometri dal cantiere.

Dalla fine del 2016 tutte e tre le centrali elettriche sono entrate gradualmente in funzione.


Burullus: informazioni sul progetto più grande della storia di Schenker Germania

  • Una singola turbina a gas pesa 482 tonnellate. Quasi pari al peso di 100 elefanti o 32 autobus urbani.
  • DB Schenker ha trasportato fino al delta del Nilo in Egitto otto turbine di queste dimensioni e altri 240 componenti che pesano più di 50 tonnellate ciascuno.
  • Un piccolo porto di pesca a 16 km a est del cantiere è stato completamente ricostruito nel giro di cinque mesi per consentire la movimentazione dei componenti pesant;: il canale di accesso e il bacino sono stati dragati a una profondità di 5,5 metri; sono stati costruiti 1.500 metri di strada di accesso, 6.000 metri quadrati di spazio per lo stoccaggio  e un molo di 125 metri è stato appositamente rinforzato per i carichi pesanti.
  • DB Schenker ritira i componenti giganteschi prodotti in stabilimenti situati in tutto il mondo: le turbine a gas a Berlino, i generatori a Mülheim in Germania e Charlotte nello stato americano della Carolina del Nord. I trasformatori provengono da Weiz in Austria e da Zagabria in Croazia. I condensatori e le parti per le turbine a vapore provengono da Banten in Indonesia, mentre 192 moduli per le otto caldaie sono prodotti a Ulsan in Corea del Sud. 
  • 316.000 metri cubi di altri componenti della centrale elettrica vengono consegnati via mare o via aerea.
  • La costruzione delle centrali elettriche in Egitto rappresenta un record anche per Siemens. La società ha firmato il contratto con il Cairo nel giugno 2015 per la costruzione di tre centrali elettriche a turbine a gas e a vapore, più dodici parchi eolici con un totale di 600 turbine. Una volta operative a pieno regime, aumenteranno la produzione energetica dell'Egitto del 50%. In termini di produzione, ciascuna delle centrali elettriche a ciclo combinato è la più grande della sua classe nel mondo.